Home » Amministratore di sostegno

Amministrazione di Sostegno

La protezione della persona in condizioni di particolari difficoltà o con ridotte capacità

L’Amministrazione di sostegno è un istituto previsto per coloro i quali si trovino in una momentanea e temporanea difficoltà di provvedere ai propri interessi a causa di una menomazione fisica o di una infermità o menomazione psichica.

Il soggetto al quale è riconosciuto un amministratore di sostegno non è considerato incapace, né viene indicato come tale nel decreto di nomina dell’amministratore di sostegno.

La nomina dell’amministratore di sostegno avviene a mezzo decreto e non con sentenza, proprio a significare lo stato di provvisorietà dell’istituto applicato all’amministrato.

L’amministratore di sostegno collabora con l’amministrato e non lo sostituisce. Deve tenere in considerazione i suoi bisogni, senza sostituirsi ad esso e in alcun casi riceve un compenso per l’attività che svolge. Infatti, possono sussistere casi in cui (art. 408 c.c.) il Giudice può nominare come Amministratore di sostegno altra persona idonea, se ne ravvisa l’opportunità o ricorrano gravi motivi e nell’interesse dell’amministrato.

Individuazione e nomina dell’amministratore di sostegno

Il beneficiario può indicare, in previsione della propria eventuale e futura incapacità, con atto pubblico o scrittura privata autenticata, il proprio amministratore di sostegno. In mancanza di altre indicazioni, il Giudice tutelare può nominare con decreto un amministratore di sostegno diverso e altre persone. Nel dover scegliere il Giudice tutelare preferisce:

  • il coniuge;
  • la persona che sia stabilmente convivente;
  • i genitori;
  • il fratello o la sorella;
  • il figlio;
  • il parente entro il quarto grado designato con testamento, scrittura privata autenticata ed atto pubblico dal genitore superstite.

Poteri dell’amministratore di sostegno

  • l’amministratore cura i rapporti giuridici dell’amministrato di carattere fiscale o amministrativo nell’interesse dell’amministrato;
  • l’amministratore di sostegno ha il potere di subentrare nella gestione dei conti correnti, della persona amministrata. L’Amministratore di sostegno adempie a tutte le operazioni di carattere bancario dopo aver esibito il decreto di nomina amministratore della persona beneficiaria. L’amministratore ha il potere di prelevare mensilmente le risorse necessarie alla copertura delle mensili dell’amministrato. Ogni prelievo oltre soglia deve essere autorizzato dal giudice tutelare;
  • ogni anno l’amministratore di sostegno riferisce al giudice dell’attività che ha svolto e delle condizioni di vita personale e sociale dell’amministrato;

 

Revoca e sostituzione  dell’amministratore di sostegno 

Il beneficiario, l’amministratore di sostegno o i suoi prossimi congiunti possono proporre istanza motivata per la cessazione dell’amministrazione e per la sostituzione dell’amministratore di sostegno.

Dell’istanza ne viene data informazione all’amministrato ed all’amministratore di sostegno. 

Il giudice tutelare, valutando le circostanze del caso, provvederà con decreto motivato.

 

Leggi anche: Affidamento Fiduciario Legge Dopo di Noi

Contatti

Torino

Via G. Balbis 3 CAP 10144


Rivoli (To)
Si riceve per appuntamento

Tel: (+39) 0112766836

Mobile: (+39) 3248482700

Fax: Num. (+39) 011703115

annasagonestudiolegale@gmail.com

Servizi Legali

Responsabilità genitoriale

Click Here

La Curatela

Click Here

La Tutela

Click Here

Compila il Form di Contatto

Esponi il tuo caso e richiedi assistenza legale online

Privacy Policy Termini e Condizioni